MEMORY TRAINING

Pubblicato da il 11 gennaio, 2017 in PROGETTI SPECIALI | 0 commenti

Progetto di Memory Training: alleniamo la memoria…
Incontri di gruppo per potenziare la memoria di ADULTI e ANZIANI
Premessa
Il Memory Training, rivolto alla popolazione adulta over 55 ed anziana nasce dall’esigenza di aiutare ad affrontare le difficoltà di memoria che spesso le persone di questa fascia di età, in particolare gli anziani, lamentano nel contesto della loro vita quotidiana.
Si tratta di un intervento psicologico di stimolazione cognitiva che consiste nel favorire l’apprendimento o il mantenimento di informazioni mediante tecniche che forniscono un supporto cognitivo al processo di immagazzinamento dell’informazione e al suo recupero ed agevolare in tal modo una riorganizzazione delle loro capacità.
Il Memory Training parte dalla considerazione che, al pari di un muscolo, la memoria abbia bisogno di essere allenata per mantenersi “efficiente” ed elastica. A tal fine, è essenziale che la persona possa utilizzare tutte le potenzialità cognitive di cui dispone, poiché spesso le difficoltà riscontrate nell’atto di ricordare altro non sono che un mancato utilizzo, o un utilizzo inadeguato, delle risorse cognitive possedute.
Per allenare la memoria risulta fondamentale fornire al soggetto strumenti che sia poi in grado di utilizzare nelle situazioni in cui solitamente lamenta un cattivo funzionamento rispetto alla capacità di ricordare. Questo tipo d’intervento, oltre alla memoria, ha lo scopo di stimolare ed attivare le funzioni cognitive connesse, o, per meglio dire, preposte al processo di memorizzazione: attenzione, ragionamento, capacità di giudizio, categorizzazione, fluenza verbale, associazione e spirito d’osservazione.

L’importanza di stimolare le capacità cognitive durante questa fase della vita mediante tecniche ed esercizi opportuni e mirati, sorge con la constatazione che con l’invecchiamento fisiologico tali abilità si modificano inevitabilmente, in particolare la memoria, secondo una vasta gamma di evidenze empiriche al riguardo: ciò significa che aumentano i tempi con cui la memoria svolge il suo lavoro, ovvero si allungano i processi di apprendimento e di recupero delle informazioni, con un’interferenza nello svolgimento delle attività di vita quotidiana. Da qui l’importanza di utilizzare strategie adeguate, per meglio memorizzare e ricordare le informazioni.
Infatti, il dato empirico su cui si basa il Memory Training è che le funzioni cognitive di soggetti anziani normali, che presentano cioè i naturali cambiamenti dovuti all’età, se debitamente stimolate attraverso interventi che agiscano sulle capacità ad esse relative, possono essere mantenute se non potenziate.

MODELLO PSICOLOGICO DI MEMORY TRAINING
Il Memory Training si connota come intervento di tipo psicologico in quanto nel considerare i cambiamenti fisiologici presenti a livello del funzionamento mentale, tiene conto, al contempo, delle reazioni psicologiche ad essi, del tutto individuali e personali, dunque del modo di adattarsi di fronte alle proprie capacità o difficoltà. Per questo motivo è opportuno che l’attività di Memory Training si basi anche sulla considerazione delle convinzioni della persona circa il funzionamento della memoria, la fiducia nelle proprie capacità, i modi di reagire, ovvero ciò che pensa e ciò che sente.
OBIETTIVI SPECIFICI:
1. Informare circa il funzionamento della memoria evidenziando difficoltà fisiologiche legate al processo dell’invecchiamento e altresì le reali capacità e possibilità presenti.
2. Allenamento attraverso esercizi di stimolazione in gruppo su funzioni cognitive specifiche.
3. Insegnare strategie mnemoniche per meglio apprendere e ricordare, che possano essere poi utilizzate nell’ambito della vita quotidiana.
4. Supporto ed ascolto delle difficoltà di memoria e del disagio che le persone presentano.

DESTINATARI DELL’INTERVENTO
Il corso di allenamento della memoria è rivolto a persone dai 55 anni in avanti, che non hanno disturbi cognitivi, cioè che presentano i cambiamenti fisiologici nella memoria e nelle funzioni cognitive considerati normali per età.
Vengono esclusi dal Memory Training i soggetti con grave deterioramento cognitivo e demenza.

MODALITA’ DI SVOLGIMENTO
Il corso verrà condotto da due psicologhe che operano nell’ambito della neuropsicologia. L’attività si svolgerà in un setting di gruppo dove i partecipanti raggiungeranno al massimo il numero di 10 e saranno inclusi sulla base delle loro caratteristiche cognitive e culturali per garantire il miglior livello di omogeneità possibile tra i partecipanti. Un incontro introduttivo al corso permetterà di conoscersi, illustrare le modalità di organizzazione del corso, raccogliere la aspettative e le richieste dei partecipanti in relazione al tema affrontato.
Uno screening iniziale, effettuato tramite una scheda che raccoglie dati sociodemografici e cognitivi (ottenuti tramite la somministrazione di una batteria neuropsicologica breve che valuti il funzionamento cognitivo di ogni singola persona), ha la finalità di ottenere una “fotografia” del gruppo, così da valutare opportunamente le modalità di lavoro più appropriate alle caratteristiche peculiari dello stesso.
Da ricordare che la scelta del contesto di gruppo è funzionale allo scopo di allenare la memoria perché facilita l’attivazione delle capacità cognitive e nello stesso tempo anche delle competenze relazionali e sociali che, a loro volta, promuovono l’allenamento stesso migliorando il tono dell’umore e lo stato psicologico dell’individuo.
Durata e frequenza: il Memory Training si articola in 10 incontri, un incontro a settimana, della durata di 1 ora e mezza ciascuno.
Materiale e strumenti utilizzati: per ogni incontro è richiesta una stanza che possa contenere in modo accogliente un gruppo di circa dieci persone, La disposizione che si adotta per il gruppo è di tipo circolare in modo da facilitare l’interazione e la comunicazione tra le persone.

MONITORAGGIO
Si propone come un momento importante per i partecipanti al corso di Memory Training e consisterà in una prova di memoria, effettuata tramite la batteria utilizzata in fase di screening, a distanza di 6 mesi al fine di valutare gli effetti a lungo termine.

Per informazioni contattare la referente del corso:
Dr.ssa Silvia Cantelli, Psicologa-Psicoterapeuta, Ord. Psic. Toscana n°3058. Tel 333-2359090

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>